L’ANCIEN REGIME

Gli storici chiamano ancien regime (antico regime) il periodo in Europa che va tra il seicento ed il settecento per descrivere la società in Europa.
Il concetto di Ancien regime fu descritto da Charles Alexis Henri Clerel nel 1856 per definire la società europea seicentesca e settecentesca in Francia. Questo perché in Francia si ebbe lo sviluppo dell’assolutismo con il Re Sole e dell’Ancien Regime con la conseguente rivoluzione Francese decenni dopo nel 1789. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

L’EUROPA DEL XVII SECOLO E DEL XVIII SECOLO

La Pace di Cateau Cambresis del 1559 aveva sancito la fine delle Guerre D’Italia e la fine del conflitto tra la Francia e la Spagna. La potenza spagnola veniva confermata sia sul continente europeo, sia nella penisola italiana, con tre stati indipendenti dalla corona spagnola, la Repubblica di Venezia, lo stato sabaudo e lo Stato Pontificio. La morte di Carlo V nel 1558 portava la suddivisione del suo grande impero tra i suoi figli in due grandi blocchi. Al figlio Filippo (Filippo II) vennero assegnati i territori spagnoli europei ed americani, al fratello di Carlo V, Ferdinando andarono i domini asburgici europei cioè la zona centrale. Nell’Europa orientale esisteva a fine cinquecento la persistente potenza turca ottomana, nonostante la vittoria navale ottenuta dalla Lega Santa cristiana a Lepanto nel 1571. La battaglia navale, non minò la potenza della Sublime Porta. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

LE SCOPERTE GEOGRAFICHE

Agli inizi del XVI secolo, l’Europa si trova davanti ad un problema di enorme portata il quale porterà in pochi decenni a terribili guerre e conflitti per la difesa dei territori terrestri e marittimi orientali, l’avanzata turca ottomana. Dopo la conquista ottomana di Costantinopoli nel 1453, sotto Maometto II, suo figlio Bayazed II, uomo di cultura, conosceva più lingue, non si interessò molto alle guerre contro gli europei. Le ostilità ripresero con il figlio di Bayazed II, Selim I detto l’inflessibile, in Europa detto il crudele ed anche detto il ponderato che inglobò nell’Impero Ottomano la Siria e l’Egitto ma con suo figlio Solimano I l’Impero ottomano raggiunse i massimi fulgori, portando il terrore nell’Europa orientale, con l’assedio di Rodi del 1522 ed il Gran Assedio di Malta del 1565. La situazione orientale, per la potenza turca ottomana, rendeva difficili i traffici marittimi dell’est Europa e di conseguenza era impensabile all’epoca poter condurre contro l’Impero turco una qualsiasi forma di guerra a fini espansionistici terrestri. L’impulso prima dell’Umanesimo e poi del Rinascimento, alimentato dal bisogno di trovare nuove rotte commerciali, dovute al blocco bellico ottomano, nella zona orientale terrestre e marittima dell’Europa, l’invenzione di nuove strumentazioni per poter affrontare lunghe traversate marittime (la bussola, il sestante, l’astrolabio, timone posteriore, vela quadrata, nuova imbarcazione chiamata Caravella), il bisogno di reperire nuove fonti minerarie di metalli preziosi, portarono ai viaggi di esplorazione con la conseguente scoperta di nuovi territori, prima mai scoperti di cui si ignorava completamente l’esistenza. In particolare si cercava, non pensando e non sapendo geograficamente dell’esistenza delle Americhe, una rotta che potesse portare in breve tempo i mercanti in Asia, senza passare obbligatoriamente attraverso l’oriente conosciuto, come circa tre secoli prima si avventurò Marco Polo nei suoi viaggi. I viaggi iniziarono nel 1488 con Bartolomeo Diaz che aprì la via oceanica per le Indie, toccando per primo il Capo di Buona Speranza, nell’Africa meridionale, nel 1492 Cristoforo Colombo scoprì l’America (sbarcò in un’isola che chiamò Hispaniola, l’attuale Haiti e Repubblica Dominicana, senza capire che aveva scoperto un nuovo continente), nel 1497 Vasco de Gama, doppia il Capo di Buona Speranza, circumnaviga l’Africa e nel 1521 Ferdinando Magellano dopo alcuni viaggi in India e nelle Isole della Sonda, decidendo dopo di raggiungerle, viaggiando verso ovest che verso est. Ferdinando Magellano, raggiunge le Filippine e viene ucciso quindi uno dei suoi comandanti, Juan Sebastian de Elcano, circumnaviga la Terra. Giovanni Caboto per conto del re inglese, Enrico VII della dinastia dei Tudor, esplorò la Nuova Scozia, una parte occidentale della GroenlandIa mentre Sebastiano Caboto, raggiunge il Labrador e forse anche la Baia di Hudson. Cristoforo Colombo dopo il suo primo viaggio del 1492, (partito da Palos il 3 agosto e raggiunto il 12 ottobre 1492 le coste delle Bahamas) compì altri tre viaggi di esplorazione del Nuovo Mondo, costeggiando la Giamaica, ed il Puerto Rico, raggiungendo nel suo ultimo viaggio, le coste del centro America. Cristoforo Colombo con i resti della Nina, una delle tre navi in possesso dell’esploratore

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

LA PESTE NERA

Dal 1347 al 1350 in Europa si verificò una pandemia di peste terribile, l’ epidemia di peste più grave di tutte le altre, accadute nella storia che decimò la popolazione europea, le stime parlano di oltre 25 milioni di vittime. La peste è una malattia molto grave e mortale, provocata dal batterio Yersinia Pestis ed esiste in due forme quella bubbonica e quella polmonare. Il batterio viene trasmesso da uomo a uomo tramite il morso di una pulce che precedentemente si è nutrita del sangue di una particolare specie di ratto. Quando il batterio penetra nell’ organismo attacca il sangue provocando sintomi come febbre alta, delirio, emorragie interne, dolori lancinanti, pustole su tutto il corpo, ed ingrossa molto alcuni linfonodi, in particolare quelli dell’ inguine, del collo e quelli ubicati sotto le ascelle, trasformandoli in bubboni trasudanti sangue e pus, da qui il nome peste bubbonica. La morte sopraggiungeva entro cinque giorni dal contagio. Se invece venivano attaccati i polmoni, dal nome peste polmonare, la malattia era ancora più virulenta e la morte sopraggiungeva entro 24 ore ed il contagio è per via aerea. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized